Category Movimenti Contabili

La gestione dei Movimenti Contabili (detta anche Prima Nota) è senz’altro il programma più utilizzato dell’area di contabilità ed uno dei più complessi di Convergence Evolution.

Le registrazioni contabili (nel seguito chiamate anche ‘movimenti’ o ‘operazioni’ contabili), infatti, interagiscono con una vasta parte degli archivi aziendali, a partire dal saldo dei conti di bilancio fino ai documenti di magazzino o ai cespiti.

Per questo i movimenti contabili possono essere inseriti sia manualmente attraverso il programma qui illustrato, sia tramite l’utilizzo di procedure di registrazione automatica presenti nelle varie gestioni della procedura, quali:

• la registrazione delle quote di ammortamento dei cespiti
• la fatturazione interattiva
• i corrispettivi mensili
• la contabilizzazione degli effetti
• la contabilizzazione della ripartizione su settori IVA
• la registrazione paghe e stipendi
• la contabilizzazione delle notule di parcellazione
• la registrazione di ratei e risconti
• la chiusura giornaliera dei corrispettivi
• la fatturazione differita
• la fatturazione dei documenti di magazzino

In ciascun movimento viene memorizzato un codice identificativo del programma che lo ha generato, in modo da identificarne l’origine e, all’occorrenza, individuare la causa di eventuali problemi.

Ogni aspetto dell’attività aziendale che ha dei risvolti in contabilità può a sua volta essere gestito all’interno della singola registrazione con il programma di gestione dei movimenti contabili, indipendentemente dal programma che lo ha generato, attraverso l’uso appropriato degli indicatori sulle causali e delle impostazioni aziendali, analizzati nelle pagine seguenti di questa sezione del manuale. In questo modo l’utente ha un’ulteriore possibilità di correggere e personalizzare alcune caratteristiche dei singoli movimenti.

Struttura dei movimenti contabili

I movimenti contabili in Convergence sono identificati da un codice suddiviso in tre parti: il numero di terminale dell’utente che lo ha generato, il numero progressivo del movimento per il terminale e un numero di bis, utilizzato per risolvere alcuni casi di ambiguità nel passaggio dalla versione precedente di Convergence e che dovrebbe essere sempre impostato a zero per i nuovi movimenti.

Ciascun movimento contabile è costituito da una testata, che ne individua le caratteristiche generali (data, causale contabile…) e da due o più righi contabili che riportano i conti del piano dei conti che vengono movimentati. Tutti gli altri elementi (castelletto IVA, descrizioni, scadenze etc) sono considerati accessori, e la loro presenza è determinata dal tipo e dalle caratteristiche peculiari della registrazione inserita.

Tipi di movimenti contabili

I movimenti contabili sono suddivisi in tre tipi principali, identificati attraverso l’uso di specifiche causali contabili:

• documenti IVA: sono le registrazioni di documenti come fatture e note di credito, anche se non comprensivi di IVA, che hanno rilevanza anche ai fini fiscali;
• incassi e pagamenti: si tratta di modifiche delle posizioni da e verso gli altri soggetti, come incassi da clienti, pagamenti a fornitori, aperture di acconti o compensazioni;
• movimenti di contabilità generale: sono tutte le registrazioni che non descrivono rapporti con Clienti o Fornitori, come la registrazioni di salari e stipendi, o più semplicemente la rilevazione di costi o giroconti.