Attività

< Indietro

 

Gestione della ripartizione per attività 

Gestione della ripartizione per attività

Funzione della scheda

La scheda Attività consente di ripartire gli importi dei conti della registrazione che lo prevedono sulle attività gestite dall’azienda, al fine di tenere sotto controllo la contabilità industriale per attività. La ripartizione può essere eseguita manualmente, calcolata in modo automatico secondo uno schema predefinito, oppure combinando le due modalità.

Abilitazione

L’abilitazione della scheda attività dipende dall’attivazione della gestione attività sull’anagrafica azienda (scheda contabilità) e dal valore “I” assegnato al parametro n° 12 della causale contabile del movimento.

Funzionamento

Ogni record di questa scheda è collegato ad un rigo contabile ed assegna ad una specifica attività una quota parte dell’importo indicato nella parte giornale della registrazione.

gestione della singola ripartizione

gestione della singola ripartizione

 

La ripartizione si applica soltanto per i righi contabili i cui conti la prevedano, come indicato nell’anagrafica del conto alla voce “Ripartizione Importi“.

Per ognuno dei conti interessati può essere presente una tabella di ripartizione che indica le percentuali dell’importo del rigo da assegnare a ciascuna attività.

Come accade per le altre schede dei movimenti contabili, all’entrata di questa scheda viene lanciato in modo automatico l’inserimento delle singole ripartizioni su tutti i conti interessati e, in presenza di una tabella di ripartizione, il programma provvede all’inserimento automatico dei record. In questa prima fase di inserimento per il primo campo compare sulla barra degli strumenti il tasto funzione per saltare la registrazione relativa al rigo contabile in questione e saltare alle ripartizioni del rigo successivo.

Quando invece si desidera inserire una nuova ripartizione manualmente, prima di entrare nella gestione dei dati della singola ripartizione viene chiesto all’utente di selezionare il rigo contabile al quale riferirsi, tramite la tabella di selezione:

Selezione dei conti di riferimento per la ripartizione per attività 

Selezione dei conti di riferimento per la ripartizione per attività

I righi mostrati nella griglia di ricerca sono quelli che possiedono un conto abilitato alla ripartizione su attività, mostrando l’importo del rigo ed il residuo non ancora ripartito.

 

Descrizione campi e funzioni

La gestione delle singole ripartizioni avviene tramite una finestra esterna, del tutto simile a quella dei movimenti per attività. A differenza di quest’ultimo, però, i valori dei campi riconducibili al movimento contabile in questione sono inseriti automaticamente e non sono modificabili (in figura si riconoscono dal colore celeste).

 

Per quanto riguarda i campi della chiave del movimento, la data di registrazione e il numero operazione sono ovviamente quelli relativi al movimento contabile; il numero progressivo, invece, viene calcolato al momento dell’elaborazione: per questo motivo in inserimento questo campo non è valorizzato e compare accanto ad esso la dicitura “da definire”.

Codice Attività: è l’identificativo dell’attività aziendale al quale riferire il movimento in questione. Con il tasto è possibile selezionare il codice dal relativo archivio. Da questo campo, essendo il primo abilitato alla modifica, è possibile richiamare il passaggio all’inserimento dei dati per il rigo contabile successivo (tasto funzione ) e la cancellazione della singola ripartizione (tasto funzione ). Il codice attività proposto come predefinito è quello presente sull’anagrafica della causale contabile del rigo di riferimento.

Raggruppamento: ogni ripartizione può essere associata ad un raggruppamento di attività, definito nella tabella dei raggruppamenti e selezionabile da essa con il tasto funzione . Ogni raggruppamento è identificato da un carattere che ne denota il tipo (Ricavi, Costi,Attività, Passività) e da un numero progressivo di due cifre. Il valore predefinito proposto è prelevato dall’anagrafica del conto contabile di riferimento, oppure del sintetico relativo se sul conto non è specificato alcun raggruppamento.

Sezionale: é il sezionale di bilancio al quale far riferimento, anch’esso selezionabile dal relativo archivio tramite il tasto funzione .

Importo: è il valore della ripartizione ed ovviamente può corrispondere – al massimo – all’importo del rigo contabile al quale si sta facendo riferimento. Accanto a questo campo è presente l’indicatore Dare/Avere relativo all’importo, che dovrebbe essere uguale a quello del rigo contabile. Il valore proposto in questo campo, a meno della presenza di una tabella di ripartizione, è il totale residuo del conto. A fianco dell’importo è visibile la percentuale corrispondente al rapporto fra questo valore ed il totale del conto nella registrazione contabile, calcolata in tempo reale.

Conto contabile (sola lettura): è il conto contabile oggetto della ripartizione. È in sola lettura perché la scelta è direttamente collegata al rigo contabile, selezionato prima dell’entrata nella gestione della ripartizione.

Causale (sola lettura): è la causale contabile relativa al movimento, corrispondente a quella della registrazione stessa.

Cliente/Fornitore (sola lettura): è il conto a cui si riferisce il documento contabile, Cliente o Fornitore. Per esigenze particolari è presente anche la possibilità di specificare un conto non appartenente alle due categorie, nei casi ad esempio di registrazione di corrispettivi. Il valore di questo campo è uguale a quello della testata della registrazione.

N.fattura (sola lettura): è il numero del documento registrato, corrispondente al numero di documento in caso di fattura clienti o al numero fattura fornitore.

Data fattura (sola lettura): data della fattura, come riportato nella testata della registrazione.

Partita (sola lettura): numero di partita del documento, riportato anch’esso dalla testata della registrazione.

Descrizione libera: questo campo è a disposizione dell’utente per indicare una nota personalizzata.

Periodo competenza (sola lettura): rispettivamente anno e mese di competenza della ripartizione, ovvero del documento registrato, calcolato in base alla data fattura.

Provenienza (sola lettura): in questo campo compare un carattere di identificazione dell’area della procedura che ha generato il record presente. In questo contesto è ovviamente indicata come origine la contabilità generale.

All’interno della scheda compare la lista dei movimenti inseriti per la registrazione. Da qui è possibile gestire ogni singolo movimento ed utilizzare i seguenti tasti funzione:

Visualizza l’elenco dei righi contabili per i quali è consentita la ripartizione per attività, con i relativi importi totali e residui

Come in tutte le altre schede della registrazione, comporta la cancellazione di tutte le ripartizioni inserite e il riavvio della sequenza di inserimento

Provoca il ri-allineamento dei dati con quelli della testata del movimento. Può capitare infatti che entrando in modifica di una registrazione contabile, i valori riportati sui movimenti non siano in linea con i cambiamenti effettuati sulla testata. Con questo pulsante la procedura provvede ad aggiornare tutti i movimenti presenti. Questa funzione dovrebbe comunque essere resa superflua dal normale funzionamento della procedura, che provvede all’allineamento dei dati in tempo reale.

 

Il controllo di uscita dalla presente scheda provvede a notificare eventuali importi contabili non ripartiti, fornendo all’utente la possibilità di rimanere nella scheda per completare l’inserimento (pulsante correggi), confermare i movimenti inseriti così come sono (pulsante conferma) e prendere visione degli importi residui dei righi di contropartita (pulsante residui parziali).

 

Condividi:
Share