FATTURA ELETTRONICA: DA BOLOGNA PARTE UNA CAUSA CONTRO TEAMSYSTEM, IL COLOSSO DELLE SOFTWARE HOUSE ITALIANE

FATTURA ELETTRONICA: DA BOLOGNA PARTE UNA CAUSA CONTRO TEAMSYSTEM, IL COLOSSO DELLE SOFTWARE HOUSE ITALIANE

Non sembra destinato a placarsi il dibattito che da giorni infuria intorno ai software di fatturazione elettronica, strumenti necessari a partire dal prossimo primo gennaio quando entrerà in vigore l’obbligatorietà dell’uso della fattura elettronica per aziende e professionisti.

Da alcuni giorni, in particolare, la polemica vede opposti Assosoftware, associazione che aderisce a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, e il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti che lo scorso settembre ha indetto una gara per la creazione di hub di sua proprietà per la gestione della fatturazione elettronica da offrire a prezzo agevolato ai propri iscritti.

Tra email ‘minatorie’, accuse neanche tanto velate e ricorsi (nella fattispecie quello presentato da Assosoftware all’Autorità Garante per il Mercato e la Concorrenza) si giunge ad oggi quando, una piccola e giovane software house bolognese, StudioBoost (che ha siglato un accordo con l’Associazione Nazionale Commercialisti per l’adozione del proprio software di fatturazione elettronica), si rivolge al proprio legale per richiedere al Tribunale Civile un provvedimento urgente per concorrenza sleale nei confronti di Teamsystem. 

“Assosoftware sta tentando di difendere l’indifendibile – spiega Domenico Navarra, CEO e fondatore di StudioBoost -. Le software house più potenti impediscono, con ogni mezzo, ai loro clienti di usare piattaforme di terze parti. Non accettano nemmeno la concorrenza del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti che, è vero, ha indetto una gara per la creazione di una piattaforma low-cost, ma è altrettanto vero che realizza una piattaforma povera dal punto di vista funzionale a cui mancano pezzi importanti come la conservazione sostitutiva.

Tuttavia, il vero punto della questione, quello per cui abbiamo decidere di procedere contro Teamsystem in accordo con il nostro legale, il Prof. Mauro Paladini è la condizione in cui oggi si trovano centinaia di software house di dimensioni medio piccole con prodotti performanti ed a basso costo che si vedono bloccare letteralmente la possibilità di espansione dal cartello che hanno costituito i colossi del settore”.

Ufficio Stampa

StudioBoost

Deborah Dirani

+39 393 8911364

Condividi:
Share

Un commento a “FATTURA ELETTRONICA: DA BOLOGNA PARTE UNA CAUSA CONTRO TEAMSYSTEM, IL COLOSSO DELLE SOFTWARE HOUSE ITALIANE

  1. Il mondo delle professioni sta cambiando velocemente e profondamente, ma le software hause vogliono mantenere le loro rendite di posizione. Questo e’ il concetto base.
    Noi commercialisti rifiutiamo il cambiamento e molte volte mantenere un software, pare essere la soluzione, ma non so se dire per fortuna o per sfortuna, questa scelta ho paura che non ci portera’ lontano.
    Il cambiamento e’ come un onda immensa, se la cavalchi con un surf la domini e la vinci, se al contrario cerchi di fuggire per non affrontarla, verrai travolto rischiando di sparire.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>